logo
Lunedi 20 novembre 2017
iscriviti aumenta dimensione carattere
AUDIS - Associazione Aree Urbane Dismesse AUDIS - Associazione Aree Urbane Dismesse AUDIS - Associazione Aree Urbane Dismesse
password dimenticata invia
AUDIS ASSOCIAZIONE deco AUDIS DOCUMENTA deco deco AUDIS NOTIZIE deco
clear
Re.2000, le ex Officine Reggiane - di Maura Catellani deco deco
Re.2000 di Maura Catellani - 16

Re.2000 di Maura Catellani - 16
boximage
Re.2000 di Maura Catellani - 15

Re.2000 di Maura Catellani - 15
boximage
Re.2000 di Maura Catellani - 14

Re.2000 di Maura Catellani - 14
boximage
Re.2000 di Maura Catellani - 13

Re.2000 di Maura Catellani - 13
boximage
Re.2000 di Maura Catellani - 12

Re.2000 di Maura Catellani - 12
boximage
Re.2000 di Maura Catellani - 11

Re.2000 di Maura Catellani - 11
boximage
Re.2000 di Maura Catellani - 10

Re.2000 di Maura Catellani - 10
boximage
Re.2000 di Maura Catellani - 9

Re.2000 di Maura Catellani - 9
boximage
Re.2000 di Maura Catellani - 8

Re.2000 di Maura Catellani - 8
boximage
Re.2000 di Maura Catellani - 7

Re.2000 di Maura Catellani - 7
boximage
Re.2000 di Maura Catellani - 6

Re.2000 di Maura Catellani - 6
boximage
Re.2000 di Maura Catellani - 5

Re.2000 di Maura Catellani - 5
boximage
Re.2000 di Maura Catellani - 4

Re.2000 di Maura Catellani - 4
boximage
Re.2000 di Maura Catellani - 3

Re.2000 di Maura Catellani - 3
boximage
Re.2000 di Maura Catellani - 2

Re.2000 di Maura Catellani - 2
boximage
Re.2000 di Maura Catellani - 1

Re.2000 di Maura Catellani - 1
boximage



Re 2000
Le "Reggiane" sono una storia tutta italiana, nata dalla passione e dall'inventiva del suo fondatore Romano Righi.
Nel 1942, erano forse le officine aeronautiche più moderne dell'Italia, attrezzate con macchinari costosi e perfetti, avevano maestranze abili, assidue, volonterose, guidate da tecnici sagaci e perseguivano temi d'avanguardia.
L'escalation del prestigio delle Reggiane ha inizio durante la I guerra mondiale, quando il ramo militare era l'unica fonte di espansione per le industrie di quel tempo.
Negli anni trenta grazie ai lauti guadagni delle forniture militari Righi collaborò con la Caproni le Officine furono tra le ditte impegnate nel massiccio ordine per i biplani trimotori da bombardamento della famiglia dei Caproni Ca.44, Ca.45 e Ca.46 (Ca.5 con la designazione del Regio Esercito).
Nel 1938 nasce il Reggiane Re 2000 "Falco" , fu un successo anche internazionale.

La fine di un ingegno all'italiana
Già tre giorni erano passati dal folgorante annuncio della caduta di Mussolini e della sua sostituzione con il Maresciallo Pietro Badoglio. Ben poche persone, a Reggio Emilia come nel resto dell’Italia, avevano prestato la giusta attenzione al messaggio che il vecchio Maresciallo, veterano di tutte le campagne italiane dalla Libia alla Grecia, aveva lanciato all’indomani del suo insediamento come Capo del Governo “…la guerra continua a fianco dell’alleato tedesco… gelosa custode delle sue tradizioni millenarie…”.

L’allora direttore amministrativo delle Reggiane Ferruccio Bellelli, commentando con alcuni suoi dipendenti la nuova situazione politica, consigliò loro di non lasciarsi andare a gesti inconsulti e di fare attenzione, perché i tedeschi e i fascisti rimanevano comunque padroni della situazione e non avrebbero consentito lo scatenarsi di tumulti e manifestazioni. Convinta che la parte del messaggio che assicurava la continuazione della guerra non fosse che un espediente per poter guadagnare il tempo necessario ad operare lo sganciamento dell’Italia dall’Asse e preparare l’inevitabile armistizio, la popolazione inscenò numerose manifestazioni a favore della pace in tutto il Paese. Quella mattina migliaia di operai delle Officine Meccaniche Reggiane , si presentarono regolarmente al lavoro nei vari reparti della fabbrica, ma quella non sarebbe stata un giornata regolata dalla ruotine come tutte le altre che l’avevano preceduta. Operai, tecnici, ed impiegati avevano una precisa idea in mente: quella di lasciare lo stabilimento e sfilare per le vie cittadine chiedendo la fine della guerra. Iniziò un piccolo ma risolto gruppo di operai che lasciarono il loro reparto decisi a manifestare nonostante il divieto della direzione e le nuove severissime norme sull’ordine pubblico emanate dal Governo Badoglio che autorizzavano l’esercito e le forze di polizia ad aprire il fuoco senza preavviso contro ogni assembramento di persone superiore alle tre unità. In pochi istanti si sparse per tutta la fabbrica la voce che alcuni operai avevano lasciato le officine e si apprestavano a varcare i cancelli della fabbrica. Ad essi si unirono immediatamente altri dipendenti delle Reggiane ed il piccolo gruppetto iniziale divenne ben presto un una nutrita rappresentanza fino a comprendere forse cinquemila uomini e donne che si presentarono all’uscita inneggiando alla pace e innalzando bandiere tricolori e ritratti di Vittorio Emanuele III. Le testimonianze di chi era presente all’eccidio non hanno consentito di chiarire definitivamente chi furono i primi ad aprire il fuoco: se le guardie giurate della fabbrica o un plotone di bersaglieri in servizio di ordine pubblico. Chiunque sia stato il primo a sparare contro persone disarmate e pacifiche non cambia certo il risultato di quella tragica sparatoria che è tristemente noto: nove operai, fra i quali una donna incinta, rimasero uccisi.

Maura Catellani

Nata a Reggio Emilia nel 1976 Laureata in Ingegneria Ambientale.
La passione per la fotografia nasce nel 2009 frequentando un corso di fotografia organizzato dall’associazione ReFoto alla quale sono iscritta.
Nel 2011 partecipo con una mostra personale al Circuito Off di Fotografia Europea e sempre quest’anno espongo per una collettiva alla galleria “Torno Subito”  di Reggio Emilia.
Il mio lavoro mi porta principalmente nelle aree artigianali e produttive della pianura  in cui si scontrano le realtà produttive con il degrado e l’abbandono.
Questo progetto vuole essere un viaggio nel passato, attraverso una ricerca di quei luoghi che fanno parte della nostra storia , diventando parte attiva del luogo con una visione “chiarista”, che tutto lava e idealizza accompagno senza la solita tristezza che ha caratterizzato questo tipo di reportage ed esula dalla mera descrizione.


deco
Scatti d'autore [-]
AA.VV.
puntino Varie [13]
Aler Milano
puntino Aler Milano inaugura il Campus Martinitt - L'ex orfanotrofio trasformato in residenza universitaria [4]
puntino ALER Milano - 100 anni di edilizia residenziale pubblica  [4]
Andrian Alberto
puntino Officine Reggiane di Reggio Emilia - di Alberto Andrian [16]
Associazione fuori_vista
puntino Progetto Sismicity - Associazione fuori_vista [10]
Biennale di Venezia - Architettura
puntino Biennale di Architettura 2010 - Laboratorio Italia - Venezia [8]
Bison Edio e Morellini Davide
puntino Luoghi di abbandono - di Edio Bison e Davide Morellini [16]
Bombieri Giorgio
puntino Anch'io PROGETTO MURANO! - di Giorgio Bombieri [16]
puntino L'Arsenale che lavora [16]
Bortolozzo Fulvio
puntino Torino, La Spina Centrale, 2007 - di Fulvio Bortolozzo [16]
Botto Andrea
puntino Cantieri - di Andrea Botto [13]
Cappai Maurizio
puntino Le miniere d'Elba [2]
Catellani Maura
puntino Re.2000, le ex Officine Reggiane - di Maura Catellani [16]
Centro Polifunzionale Snos
puntino Centro Polifunzionale Snos - Torino [9]
Cirillo Gianmatteo
puntino Le miniere Komsomolets e Rumyantsevo a Gorlivka, Ukraina [15]
Di Vilio Salvatore
puntino L'ex area industriale Saint Gobain a Caserta - di Salvatore Di Vilio [16]
Duranti Pierclaudio
puntino L'ex Elettrochimico di Papigno: fotografie di Pierclaudio Duranti [16]
Gasparo Neva
puntino Viaggio in Porto Vecchio di Neva Gasparo [16]
General Smontaggi S.p.a
puntino A RemTech 2011 in mostra le foto dei cantieri di General Smontaggi S.p.a [16]
Giusto Lidia
puntino Ruins: Rovine e Macerie di Lidia Giusto [16]
Industrie-Kultur Fotografie
puntino Il primo annuario di IKF (Industrie-Kultur Fotografie) [16]
Lembo Salvatore e Paraggio Gaetano
puntino Declinazioni periferiche - di Salvatore Lembo e Gaetano Paraggio [16]
Mini Lorenzo
puntino Colonie di vacanza in Italia. Dal periodo fascista ai nostri giorni [16]
Minoter spa
puntino Ex Birreria Peroni - Quartiere Miano, Napoli [16]
Modica Marcello
puntino Still Alive di Marcello Modica [16]
Monari Franco
puntino Memorabilia (2007-2011) - "New Prehistories / Nuove Preistorie" - Ex Zuccherificio di Argelato (Bo), di Franco Monari [16]
Pili Michele
puntino Il compendio minerario di Montevecchio Un progetto fotografico di Michele Pili [16]
Porcelli Giovanni Mattia
puntino L'impianto Termo-Idrovoro della Travata a Bagnolo San Vito (MN) - di Giovanni Mattia Porcelli [16]
Sattler Caroline
puntino Circle di Caroline Sattler [15]
Scarpa Alessandro e Albertini Carlo
puntino EX - di Alessandro Scarpa e Carlo Albertini [16]
Signorelli Enzo
puntino Marina di Melilli, storia di un paese che non c' - di Enzo Signorelli [16]
Sipione Alberto
puntino Da qui all'Eternit() [16]
Sortini Franco
puntino Lo zuccherifico di Capua - di Franco Sortini [16]
Studio ORCH
puntino Porto Marghera, Studio ORCH - Venezia [6]
Trivisonno Patrizia
puntino La grande pressa di Terni [10]
Valenti Meri
puntino Genova, Trieste, Civitanova Marche: fermi immagine di tre paesaggi portuali di Meri Valenti [16]
Vio Giovanni
puntino Tonadico, Madonna della Luce di Giovanni Vio [16]
puntino Per il progetto Venezia Marghera Mestre e ritorno. Un viaggio quotidiano [16]
Virdis Davide
puntino "Periferie" di Davide Virdis  [10]
Audis eventi [+]
AUDIS - Associazione Aree Urbane Dismesse - C.F. 97563790019 - Credits - ©Tutti i diritti riservati. Tutti gli articoli possono essere riprodotti con lunica condizione di mettere in evidenza che il testo riprodotto tratto da www.audis.it. Documenti, ricerche e materiali AUDIS possono essere riprodotti e diffusi previa autorizzazione e indicando la fonte.